PILLOLE FISCALI.png

Consulta l'archivio con tutti gli articoli

Seguici anche qui:

fb.png
yb.png
Lk.png
telegram.png

Bonus asilo nido 2022

Il bonus asilo nido è stato confermato anche per il 2022.

L’entrata in vigore dell’assegno unico dal 1° gennaio 2022, nonostante abbia eliminato tutti i bonus inerenti i figli, non ha portato all’eliminazione del bonus nido, una delle agevolazioni riconosciuta alle famiglie con figli (link https://www.youtube.com/watch?v=TbTT8XSNAEM).


La prestazione erogata è cumulabile con il nuovo Assegno unico per i figli 2022.

Il bonus ha l’obiettivo di sostenere le spese per l’asilo nido o per avere assistenza domiciliare, presso la propria abitazione, per bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie che non gli permettono la frequenza.



Il bonus erogato dall’INPS, permette ai genitori di figli nati, adottati o affidati fino a 3 anni, che hanno sostenuto la spesa, di ricevere un rimborso di una parte o dell’intera parte delle spese sostenute per l’iscrizione ad asili nidi privati o pubblici.

Il contributo è parametrato in base all’ISEE familiare.

Il bonus viene corrisposto fino ad un massimo di 3.000 euro, per le spese effettuate nell’anno entro il 31 dicembre.


Per ricevere il bonus è necessario allegare la fattura dell’avvenuto pagamento della retta. Le ricevute corrispondenti ai pagamenti delle rette non presentate in sede di invio della domanda devono essere allegate non oltre il 1° aprile 2023. In ogni caso il rimborso avverrà solo a seguito dell’allegazione della ricevuta di pagamento.

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato o adottato e qualora il richiedente intenda fruire del beneficio per più figli sarà necessario presentare una domanda per ciascuno di essi.


I requisiti richiesti sono i seguenti:

cittadinanza italiana;

  • cittadinanza UE;

  • permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo

  • carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza dell’Unione europea (art. 17, d.lgs. 30/2007);

  • status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;

  • residenza in Italia;

  • relativamente al contributo asilo nido, il genitore richiedente deve essere il genitore che sostiene l’onere del pagamento della retta;

  • relativamente al contributo per forme di assistenza domiciliare, il richiedente deve coabitare con il figlio e avere dimora abituale nello stesso comune.

L’INPS provvederà al pagamento del bonus nelle modalità indicate durante la richiesta della prestazione, bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN.

La domanda può essere presentata esclusivamente online all’INPS attraverso il servizio dedicato o in alternativa si può fare la domanda tramite enti di patronato.

Come evidenziato dall’Istituto, a breve saranno pubblicate le istruzioni per presentare le domande di accesso al bonus asilo nido 2022 ma ricordiamo che per il 2022 la domanda potrà essere presentata entro la scadenza del 31 dicembre tramite il modello ISEE.

Puoi richiedere il tuo ISEE quando vuoi. Cerca la sede CAF ANMIL più vicina a te, siamo in tutta Italia!

#bonusasilonido#bonusnido2022#isee#situazioneeconomicafamiliare#famiglie#sostegnialreddito#sostegnoeconomico#agevolazioni#bonus#dichiarazionesostitutiva#DSU#indicatoresituazioneeconomica#fascedireddito#nucleifamiliari #asilonido #bonusasilonido #nucleofamiliare #bambini #bambiniadottati #bambiniaffidati #bambiniconpatologie #gravipatologie #cafanmil


©Riproduzione riservata