top of page
PILLOLE FISCALI.png

Consulta l'archivio con tutti gli articoli

Seguici anche qui:

fb.png
yb.png
Lk.png
telegram.png

IVA agevolata al 10% anche per le creme al collagene

A seguito di un interpello da parte di una società produttrice, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito la spettanza dell’IVA agevolata al 10% per i dispositivi medici composti da polvere di collagene equino.


donna sorridente che si spalma una crema sul viso

In base alla Legge di Bilancio 2019, “i dispositivi medici a base di sostanze, normalmente utilizzate per cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per trattamenti medici e veterinari (...)» rientrano tra i beni cedibili con aliquota IVA del 10%.


Questa disposizione è valida per i dispositivi medici classificabili alla voce 3004 della Nomenclatura combinata dell’Unione Europea (cap. 30).


In generale, un prodotto si identifica come dispositivo medico quando è progettato per prevenire, diagnosticare, curare o controllare una malattia/ferita/handicap, grazie ad un meccanismo d’azione di tipo fisico e non farmacologico (es. occhiali da vista, contenitore urine, aereosol, ecc). Nello svolgimento della propria funzione, un dispositivo medico può essere coadiuvato da sostanze farmacologiche.


Nel caso specifico, cioè quello della crema realizzata esclusivamente con polvere di collagene equino, quest’ultima viene identificata come “medicamento” preparato a scopi terapeutici o profilattici attraverso un sostanze normalmente utilizzate per cure mediche, prevenzione e trattamenti medici e presentato alla vendita sotto forma di crema ad assorbimento cutaneo.


La crema viene commercializzata per favorire la rigenerazione del tessuto connettivo del derma e promuovere la rigenerazione cutanea (o bio-rivitalizzazione); a seguito di accertamento tecnico da parte dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, tale preparato rientra tra i dispositivi medici classificabili nella voce doganale 3004 9000 della nomenclatura combinata e, pertanto, assoggettabile all’aliquota agevolata del 10%.


Ricordiamo che i dispositivi medici sono regolati dalla Direttiva Comunitaria 93/42/CEE (e relativi emendamenti) e, se certificati e muniti di marcatura CE, sono detraibili all’interno della dichiarazione dei redditi.



©Riproduzione riservata

Σχόλια


bottom of page