top of page
PILLOLE FISCALI.png

Consulta l'archivio con tutti gli articoli

Seguici anche qui:

fb.png
yb.png
Lk.png
telegram.png

Detrazioni delle spese per intervento chirurgico

L’Agenzia delle entrate consente la detrazione IRPEF al 19% delle spese sanitarie in sede di 730 per tutti gli importi eccedenti i 129,11 euro ma cosa accade in caso di interventi chirurgici?


Le spese chirurgiche rientrano tra le spese che è possibile portare in detrazione al 19%.


Si intendono “spese chirurgiche” quelle riferibili a veri e propri interventi chirurgici, compresi quelli di piccola chirurgia eseguiti in day ospital da parte di medico chirurgo, per mezzo di anestesia locale e senza necessità di degenza.


Formalmente, l’Agenzia delle entrate intende detraibili tutti gli interventi “necessari per un recupero della normalità sanitaria e funzionale della persona ovvero per interventi tesi a riparare inestetismi, sia congeniti sia talvolta dovuti ad eventi pregressi di vario genere (es. malattie tumorali, incidenti stradali, incendi, ecc.), comunque suscettibili di creare disagi psico-fisici alle persone”.


È possibile presentare tra le spese mediche relative all’intervento chirurgico, anche quelle correlate come:

  • anestesia

  • acquisto plasma sanguigno o sangue necessario all’operazione: in tal caso, la detrazione spetta per l’intera spesa (anche in presenza di più documenti di spesa) a condizione che esse siano direttamente ricollegabili all’intervento;

  • spese o rette di degenza e cura (anche nel caso di degenza senza intervento), nelle quali non sono connesse le spese per servizi extra (pernottamento congiunti del malato, uso della tv o aria condizionata, ad esempio);

  • spese per trapianti d’organo, comprese quelle per il trasferimento (anche dall’estero) dell’organo da trapiantare sul luogo dell’intervento: in tal caso, ai fini della detrazione la documentazione di spesa deve essere intestata al contribuente che sostiene la spesa e non alla struttura o al medico che sostiene l’intervento;

  • spese sostenute per l’assistenza medica ricevuta durante il trasporto in ambulanza, ma non quelle per il trasporto stesso.

Si precisa che tutte le spese citate, detraibili, devono essere certificate da documentazione fiscale ed esser state sostenute con mezzi di pagamento tracciabili.




©Riproduzione riservata

Comentarios


bottom of page