top of page
PILLOLE FISCALI.png

Consulta l'archivio con tutti gli articoli

Seguici anche qui:

fb.png
yb.png
Lk.png
telegram.png

Con la doppia CU il 730 è d'obbligo!

Chi possiede due (o più) Certificazioni Uniche (ex CUD) è tenuto a presentare il modello 730/2024 per la dichiarazione dei redditi percepiti nel corso del 2023.


un ragazzo davanti al pc compila il 730/2024

I contribuenti che hanno due Certificazioni Uniche, poiché titolari di redditi erogati da due datori di lavoro o enti diversi, sono tenuti alla dichiarazione dei redditi con il Modello 730 in modo da poter calcolare la corretta imposta sul reddito dovuta.


Di seguito, vengono elencate le situazioni più frequenti nelle quali viene generata una doppia CU per il contribuente:


  • percezione di ammortizzatori sociali dall’INPS (Naspi, Cassa Integrazione, Fis, ecc)

  • percezione di redditi da lavoro dipendente da parte di più datori di lavoro (sostituti di imposta)

  • percezione di pensioni di reversibilità o pensioni estere, ad esempio.

Nel caso di CU generate dall’INPS, queste possono essere scaricate dal portale dell’Istituto accedendo con SPID, CIE o CNS ed entrando nel proprio “Fascicolo previdenziale". In via alternativa, ci si può rivolgere presso uno dei nostri CAF ANMIL in tutta Italia, prendendo un appuntamento.


Quando si dispone di più Certificazioni Uniche è facile incappare nel rischio del debito IRPEF.

L’IRPEF è l’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche che lavoratori dipendenti e pensionati pagano sul proprio reddito. Strutturata in scaglioni e aliquote, l’Irpef viene calcolata in anticipo sui redditi da lavoro dipendente e pensione (solo per citare alcuni esempi) dal sostituto di imposta, il quale applica una tassazione dei redditi spesso più bassa del dovuto, perché non conosce il reale ammontare di tutti i redditi percepiti dal contribuente.

Ecco perché solo in sede di 730, si possono sommare le CU dell’interessato e ricalcolare la corretta aliquota Irpef in base alla somma dei redditi da questi effettivamente percepiti.


Al termine dei calcoli, dunque, può accadere che:

  • il contribuente vada a credito IRPEF, perché le tasse pagate in busta paga o con la pensione sono maggiori del dovuto (è quello che accade se si inseriscono anche spese detraibili);

  • il contribuente vada a debito IRPEF, perché si sono pagate meno tasse del dovuto (per i motivi sopra indicati); in tal caso, si procede con il versamento delle imposte mancanti tramite modello F24 oppure usando eventuali crediti disponibili.


Se hai dubbi o non sai se sei tenuto a presentare una dichiarazione dei redditi con la doppia CU, chiedi subito assistenza al nostro personale esperto, presso la sede CAF ANMIL più vicina. Ti aspettiamo!






©Riproduzione riservata



Comments


bottom of page