PILLOLE FISCALI.png

Consulta l'archivio con tutti gli articoli

Seguici anche qui:

fb.png
yb.png
Lk.png
telegram.png

Bonus bollette di 600 € per i dipendenti: come riceverlo

Il Decreto aiuti bis ha innalzato a 600 euro il contributo destinato ai lavoratori dipendenti, per il pagamento delle utenze domestiche di acqua, luce e gas limitatamente al periodo di imposta 2022.


Il bonus rientra nei fringe benefit cioè i contributi (beni e servizi) erogati dalle aziende a favore dei propri dipendenti e che appartengono alle misure di welfare aziendale. Questi benefit compaiono in busta paga ma non concorrono a formare reddito e non sono soggetti a tassazione purché restino entro un limite che, solo per il 2022, è stato innalzato da 258.23 euro a 600 euro, dal Decreto aiuti bis. L’eccedenza sarà poi soggetta a imposizione fiscale.


L’erogazione del bonus è a discrezione delle aziende, che potranno scegliere liberamente se concederlo e a chi destinarlo, se alla totalità dei dipendenti o solo ad alcuni.


Come viene erogato il bonus bollette?

Le aziende che scelgono di aiutare i dipendenti nel pagamento delle bollette di acqua, luce e gas erogando il bonus, potranno versare la somma direttamente al fornitore dei servizi o, in alternativa, potranno rimborsare al dipendente le utenze in busta paga, previa presentazione della relativa fattura.


Il vantaggio del contributo è duplice: per il lavoratore sono somme nette, non soggette né a tassazione né a contribuzione (non generano quindi aumenti della pensione); per il datore di lavoro sono importi interamente deducibili, che riducono l’imponibilità fiscale della società.



Resta connesso con il CAF Anmil per rimanere aggiornato sulle novità in ambito fiscale!

#bonusbollette #bollette #acqua #luce #gas #utenze #bonus600euro #600euro #contributi #welfareaziendale #fringebenefit #dipendenti #azienda #decretoaiutibis #novità #fiscale #assistenzafiscale #cafanmil


©Riproduzione riservata