PILLOLE FISCALI.png

Consulta l'archivio con tutti gli articoli

Seguici anche qui:

fb.png
yb.png
Lk.png
telegram.png

Bonus 100 euro: il nuovo trattamento integrativo

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2022, la riforma fiscale per la riduzione del cuneo fiscale, ha introdotto modifiche alla disciplina del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione.

Il trattamento integrativo lo scorso anno ha preso il posto dell’ex bonus Renzi pari a 80 euro, infatti sino al 31 dicembre 2021, veniva concesso ai lavoratori che percepivano un reddito lordo da lavoro dipendente o assimilato per un importo complessivo compreso tra 8.175 euro e 28.000 euro.

Il beneficio, di importo massimo pari a 1.200 euro annui, veniva erogato mensilmente dal datore di lavoro in busta paga


A seguito delle modifiche introdotte dalla suddetta Legge di Bilancio, a partire dal 1° gennaio 2022 il limite massimo di reddito per il riconoscimento del trattamento integrativo è stato ridotto a 15.000 euro. Tuttavia, viene riconosciuto la quota anche a coloro che vantano un reddito annuo di importo compreso tra 15.000 euro e 28.000 euro, a condizione che la somma delle detrazioni elencate qui di seguito sia superiore all’imposta lorda.


Le detrazioni sommate sono:

  • per familiari a carico (coniuge, figli, altri familiari di cui all’art. 12 TUIR);

  • per redditi da lavoro dipendente e assimilato;

  • per interessi passivi ed oneri accessori pagati a seguito di prestiti o mutui agrari di ogni specie;

  • per interessi passivi ed oneri accessori dovuti in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili, contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale;

  • per interessi passivi ed oneri accessori pagati a seguito di mutui garantiti da ipoteca, contratti per la costruzione dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale;

  • per spese sanitarie, per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici;

Non esiste uno schema che si possa adottare ad ogni soggetto ma è possibile spiegare a titolo esemplificativo se il bonus è spettante o no.


Se si ha uno stipendio lordo di 1.510 euro circa, moltiplicandolo per le 14 mensilità, otteniamo il reddito imponibile di 21.140 euro circa. Su questo importo il contribuente sarà tenuto a pagare l’IRPEF. Il calcolo in questo caso, sarà effettuato su gli scaglioni di reddito che vanno fino a 15mila e fino a 28mila euro per il 2022 applicando una aliquota del 23% sui primi 15mila euro (3.450 euro di IRPEF) e del 25% sui redditi che eccedono i 15mila euro (1.535 euro di IRPEF). L’imposta lorda complessiva che è tenuto a pagare sul suo reddito complessivo, quindi, è di 4.985 euro circa.

A questo punto per ricevere il bonus da 100 euro, di fatto, è necessario avere detrazioni spettanti superiori ai 4.985 euro.

Se non si ha nessuna detrazione, cioè nessun famigliare a carico, spese mediche, ristrutturazioni ecc… e quindi le detrazioni spettanti risultano inferiori all’imposta lorda e il bonus non sarà spettante.


Prendi subito un'appuntamento per elaborare il tuo 730/2022 in una delle nostre Sedi CAF ANMIL in tutta Italia

#bonus #exbonusrenzi #trattamentointegrativo #bonus100euro #detrazioni #leggedibilancio #leggedibilancio2022 #modello730 #dichiarazione730 #fiscalità #fisco #riformafiscale #cafanmil


©Riproduzione riservata