Contratti di locazione

Se hai bisogno di registrare dei contratti di locazione e/o affitto di beni immobili, il CAF ANMIL è a tua disposizione!

Quando devo registrare un contratto di locazione?

Per legge, ogni tipo di contratto di locazione che superi i 30 giorni complessivi all’anno deve essere registrato entro 30 giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza, se anteriore, qualunque sia l'ammontare del canone pattuito.

Può farsene carico sia l'affittuario (conduttore) sia il proprietario (locatore). Non è obbligatorio registrare il contratto in caso di durata inferiore ai 30 giorni annui.

Di che tipo possono essere i contratti di locazione?

Esistono tre tipi di contratto di locazione:

  • contratti ordinari (4+4)

  • contratti concordati (3+2)

  • contratti transitori (minimo 30 giorni, massimo 18 mesi)

In che modo avviene la tassazione dei contratti di locazione?

Ci sono due modi in cui i contratti di locazione vengono tassati:

  • tramite tassazione ordinaria: prevede il cumulo del reddito derivante dalla locazione con gli altri redditi e l'assoggettamento alla tassazione a scaglioni, dopo le deduzioni e/o detrazioni;

  • tramite cedolare secca: si tratta di un regime fiscale facoltativo, che prevede il pagamento di un'imposta sostitutiva dell'IRPEF e delle addizionali regionali e comunali. Esistono, attualmente, due aliquote che si applicano sul canone annuo: una al 21% e una al 10%.

Cosa occorre per registrare un contratto di locazione?

Per registrare un contratto di locazione occorre:

  • redigere il contratto di locazione

  • compilare e trasmettere il Modello RLI

  • pagare le relative imposte, ove previsto

Dove posso registrare un contratto di locazione?

I contratti di locazione possono essere registrati:

  • usando i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (obbligatorio per gli agenti immobiliari e per chi possiede almeno 10 immobili; facoltativa per altri contribuenti abilitati ai servizi telematici);

  • rivolgendosi agli uffici competenti dell’Agenzia delle Entrate e compilando il modello RLI;

  • recandosi presso uno dei nostri centri CAF ANMIL dislocati in tutta Italia oppure presso un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, ecc) o un delegato.

Quali sono i documenti da presentare per la stipula del contratto?

Tutti i nuovi contratti di locazione, a prescindere dalla tipologia, devono riportare una clausola in cui il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione relativa all’attestazione energetica dell’edificio (APE – Attestato di Prestazione Energetica), la cui copia va allegata al contratto: senza tale certificazione non è possibile stipulare o registrare il contratto.

Oltre a tale documento, occorre esibire:

  • dati catastali identificativi immobile;

  • dati identificativi del proprietario dell'immobile: documento di identità, codice fiscale, Tessera Sanitaria in corso di validità;

  • dati identificativi del conduttore, cioè il soggetto al quale viene locato l'immobile: documento di identità, codice fiscale, Tessera Sanitaria in corso di validità;

  • importo annuo del canone di locazione;

  • durata del canone di locazione;

  • codice iban da riportare nel contratto per il pagamento delle imposte, qualora dovute.

Numero Verde 800 180 943 | Lun - Ven ore 8:30-18:00 | Gratuito da rete fissa e mobile

Copyright © 2020 CAF Anmil S.r.l. - Via Adolfo Ravà, 124 - 00142 Roma 

C.F. / P.Iva 11424191002 - Iscrizione Albo Caf n.92